GRUPPO FACEBOOK

PAGINA UFFICIALE

categorie - ARMI LUNGHE

AK ROMENO "G"

Pistol Mitralieră model 1963 - Gărzile Patriotice





Siamo nei primi anni '60, l'esercito popolare romeno è ancora armato con i vecchi PPSh-41, SKS ed AK di produzione Sovietica nella versione ricavata dal pieno; Mosca, invece, inizia a dotare i suoi uomini di AKM in lamiera stampata di nuova generazione. 

Nel 1963 finalmente, l'ordine di cominciare la produzione dell'ormai collaudato AKM giunge anche in Romania, così, il governo di Nicolae Ceaușescu, decide di iniziare con l'ammodernamento degli arsenali, producendo in loco la propria versione dell'Avtomat. Veniva cambiato leggermente il delta di mira anteriore e aggiunta un'impugnatura verticale all'astina inferiore che, a discapito della linea estetica, conferisce una presa molto naturale e utile al  controllo del fuoco a raffica. Nasce così il PM-63, al quale, due anni dopo, si aggiungerà il modello 65 con calcio pieghevole.

L'ultima evoluzione di quest'arma si ha negli anni '70, quando adotta ufficialmente il compensatore a fetta di salame, in sostituzione del dado copri filetto.

L'arma venne data in dotazione a tutti i corpi e reparti dell'esercito, ma uno in particolare, venne equipaggiato con una versione speciale, la Gărzile patriotice (Guardia Patriottica).

La "Garda" non era un vero e proprio corpo dell'esercito, ma una formazione paramilitare al servizio del regime, fondata il 21 Agosto del 1968, da schierare in campo in caso di invasione della madrepatria, come accadde nello stesso anno alla Cecoslovacchia.

Erano quindi civili, volontari, addestrati in tattiche di guerriglia, tecniche antincendio e mantenimento della sicurezza pubblica; possiamo parlare quindi di una milizia del popolo.

L'addestramento iniziava in giovane età, ed era anche parte del piano di studi universitario; tutti i volontari, reclutati indistintamente dal sesso, erano sotto il controllo del Ministero della Difesa ed erano inquadrati con lo stesso sistema delle forze armate, portavano divise monocolore senza distintivi ed erano obbligati a corsi di aggiornamento ed addestramenti periodici.

Nel 1989, allo scoppio della rivoluzione, la Guardia contava 700.000 effettivi e furono tra i primi, all'ordine di sparare sui rivoltosi, ad allearsi col popolo.

Dati Tecnici PM-63

Produzione: dal 1963 ad oggi

Peso: 3,5kg ca.

Calibro: 7,62x39mm

Alimentazione: Caricatore metallico da 30 colpi.

Funzionamento: Fuoco selettivo, recupero di gas con pistone a corsa lunga. 

Rateo di fuoco in modalità automatica: 600 colpi/min

Lunghezza arma: 87cm

Tiro utile: 300mt

Organi di mira: Mire metalliche da 100 a 1000mt con tacca da battaglia

Nella versione della “G”, l'arma ha le stesse caratteristiche funzionali della “sorella militare” tranne per un dettaglio importante, nasceva SEMIAUTOMATICA, con possibilità di renderla automatica in caso di necessità.

Molte infatti, dopo aver reso impossibile l'operazione di modifica, sono state esportate direttamente dalla Romtehnica ed importate nel nostro paese come SAR-1, perchè appunto native semiauto.

Altra caratteristica unica, è la presenza di una lettera G rosso/arancio, stampigliata sul lato sinistro del trunnion anteriore e di una banda nera sulla calciatura.

L'esemplare qui mostrato è una “Romy G” (nomenclatura collezionistica), abbastanza vissuta del 1982.

LA CINGHIA:
Viene utilizzata dall'esercito rumeno una cinghia di produzione autoctona che si differenzia dalle altre versioni AK per il solo il materiale. Infatti ha tutte le caratteristiche e fattezze delle comuni cinghie AK, ma la rumena è in cuoio marrone di scarsa qualità.

LA BAIONETTA:
Come per la cinghia siamo di fronte ad una produzione interna, con tutte le caratteristiche della AKM type 1. La differenza della rumena rispetto alle altre è la parte in gomma del fodero di colore grigio o ocra e la taschetta in cuoio marrone o nero.

CLASSIFICAZIONE COLLEZIONISTICA:

Reperibilità 3
Valore Storico 3
Valore nel Tempo 3
Valore di Mercato 3
Stato dell'Arma GRADE B

Per consultare la legenda, clicca qui

Copyright© 2017 - Fabio Pia per CoEx


Galleria Fotografica della Guardia Patriottica:

Esercito Rumeno:

Ak Rumeno dal mondo (paesi arabi, polizia afgana):

 


condividi: